Val di Non Maddalene Consorzio turistico Trekking Sci
Val di Non Maddalene Escursioni Natura Alpinismo
Bresimo
Rumo Revò Cis
Eng Deu Fra Preferiti Home

Val di NonMappe Val di NonCartine Val di NonMailing ListMeteo TrentinoPhotogallery

paletto
Freccia
Freccia
Freccia
Freccia
Freccia
Freccia
Freccia
Freccia
Freccia
Freccia
Freccia
 
base

 
 



Escursioni alle Maddalene

133
SENTIERO “ALDO BONACOSSA” - TRAVERSATA MADDALENE SUD
Punto di partenza
Punto di arrivo
PASSO DELLE PALADE (GAMPEN-JOCH)
PENASA VAL DI RABBI
Dislivello: m 2300 c.
Difficoltà: E

Località
Bivio
Quota
Tempo
andata
Tempo
ritorno
PASSO PALADE (Gampen Joch)
1518
/
1.10
LEGERHÜTTE (baito dei cacciatori)
1960
1.30
0.40
LAGO DEL LUCO (Laugen See)
2180
0.50
0.05
CRESTA S-E DI MONTE LUCO
10
2200
0.10
1.10
CRESTA S-O DI MONTE LUCO
24
2070
1.00
1.00
MALGA CASTRIN
8
1813
0.50
0.05
PASSO DI CASTRIN
157-24
1805
0.05
0.20
MALGHETTO DI CLOZ
11
1894
0.25
0.40
MALGA KESSEL (Kessel-Alm)
10
1917
0.40
0.30
CRESTA S-E DEL MONTE OMETTO (Mendel Spitze)
12
2047
0.40
0.50
MALGA SAMERBERG (Samerberg Alm ruderi)
19
2140
1.00
0.35
PASSO DI BRÈZ (Samer-Joch)
19
2200
0.40
0.25
CRINALE SUD DI CIMA LAVAZZÈ
13
2245
0.30
1.00
MALGA-BIVACCO VAL
113
1925
0.45
0.35
MONTE ALTO
2028
0.40
0.40
MALGA CEMIGLIO DI FUORI (ruderi)
142
1810
0.30
0.20
BIVACCO FORESTALE CEMIGLIO
113/A
1838
0.20
1.00
MALGA MASA MURADA (abbandonata)
134-18
2046
1.10
0.15
COSTA POZÒN
149
2110
0.20
0.20
PASSO BINASIA
2296
0.30
0.30
MALGA BINASIA DI SOPRA
131/B
2138
0.20
2.00
Nei pressi del PASSO DI VAL CLAPA
112
2205
2.00
1.00
* MALGA BORDOLÒNA DI SOPRA
133/B-136
2084
0.50
0.30
* Nei pressi del PASSO PALÙ
118
2350
0.45
0.10
* PASSO PALÙ
135
2412
0.15
1.00
MALGA PALÙ
133/A
2088
0.40
1.40
STABLUM (pressi bivio strada)
1466
1.10
1.00
PENASA (frazione di Rabbi)
1150
0.40
/
TEMPO COMPLESSIVO ORE:
19.15
19.30

* Fa parte del Sentiero Italia – S.I.

Il sentiero 133 attraversa, sul versante meridionale, tutto il Gruppo delle Maddalene, dal Passo delle Palade a Penasa in Val di Rabbi, mantenendosi costantemente a ridosso dei 2000 metri. È un itinerario adatto ad escursionisti allenati e capaci di orientarsi autonomamente. Con il terreno asciutto, il sentiero è privo di difficoltà ma, con il bagnato, con il ghiaccio o con la nebbia, alcuni tratti del percorso richiedono attenzione perché possono diventare insidiosi. La traccia spesso taglia i ripidi versanti erbosi che digradano dalle cime e una scivolata su questi pendii può avere serie conseguenze. Chi possiede un minimo di esperienza non avrà certamente problemi e troverà il sentiero 133 facile e divertente.

Questo sentiero è stato dedicato ad Aldo Bonacossa, alpinista milanese, autore (nel lontano 1915) della prima guida sul Gruppo Ortles-Cevedale che comprendeva anche il settore delle Maddalene. Il sentiero, oltre che con il numero 133, è segnato anche con i colori bianco-rossi ed incrocia tutti, o quasi, i sentieri tracciati su questo versante: quelli segnati con numeri a tre cifre, appartengono e sono curati dalla S.A.T. (Società Alpinisti Tridentini). Quelli segnati con numeri ad una o due cifre, sono curati dalle sezioni altoatesine dell’AVS o dalle Pro Loco della Provincia di Bolzano. Detto questo è chiaro che il sentiero 133 ha un’infinità di varianti: con brevi digressioni è possibile salire alla vetta del Monte Luco, a quella del Cornicolo, alla Vedetta Alta, al Monte Ometto, alla Cima degli Olmi, alla Stùbele, al Monte Pin, alla Cima Binasia, al Castel Pagano, alla Cima Tuatti e alle Punte di Quaira. Se necessario è anche possibile scendere
velocemente a valle.

Per completare la traversata, senza scendere a valle, sono necessarie tre giornate con la media di 6-7 ore al giorno di marcia. I migliori punti di appoggio sono tre:
il Bivacco Val, il Rifugio Forestale la Malga Bordolòna di Sotto.
Non tutte le malghe sono in buone condizioni, in tanti casi, offrono modesti e precari ripari.
Anche disponendo di una tendina da campeggio, oltre ai viveri e al normale
bagaglio dell’escursionista previdente, si deve avere nello zaino il necessario per passare la notte in montagna e non dovranno mancare la cartina topografica, la torcia elettrica e una bussola. L’acqua si trova praticamente ovunque: presso le malghe ed i bivacchi, nei ruscelli che si incontrano lungo tutto il percorso e nelle abbondanti sorgenti.
Per le numerose possibilità di accesso, il Sentiero “Aldo Bonacossa” può essere
percorso interamente anche in giornate distanziate l’una dall’altra senza, per
questo, venga a diminuire la grande soddisfazione che questo percorso offre.


Torna all' indice dei sentieri

Consorzio turistico le Maddalene 38020 Marcena di Rumo (TN)   Tel 0463.530310   Fax 0463.531200   info@maddalene.it

 
  TOP